Nelle nostre mani

In una società orientata dal mercato, i consumatori esercitano un’influenza enorme. L’offerta dei prodotti è allineata alla domanda. Ciò significa che tutti possono contribuire ad indirizzare la pesca e l’acquacoltura verso la sostenibilità.

Il risultato di decenni di pesca sconsiderata ed eccessiva è evidente: gli stock ittici sono in diminuzione e il delicato ecosistema marino è stato gravemente danneggiato. Se continueremo così, ci saranno non solo effetti devastanti per le specie marine, ma anche per tutte quelle persone che vivono grazie ai tesori del mare o della pesca.

La buona notizia è che i mari posseggono il potenziale per nutrire miliardi di persone – se trattiamo le loro risorse in modo sostenibile. Impiegando metodi di pesca intelligenti sarà possibile eitare bycatch, cioè catture accidentali, e dare agli stock ittici in diminuzione la possibilità di riprendersi. Anziché la massimizzazione del profitto a breve termine, ciò può significare un beneficio economico a lungo termine e addirittura permanente. La pesca sostenibile contribuisce allo sviluppo economico stabile e garantisce il sostentamento di comunità di pesca e di lavoratori nella filiera della pesca. Tutto questo interessa anche noi in Europa – nel solo Mediterraneo ci sono 250000 pescatori[1] –, oltre alle centinaia di milioni di persone nei Paesi in via di sviluppo che dipendono, direttamente o indirettamente, dalla pesca[2].

Chi è responsabile?

Anche se spetterebbe alla politica realizzare le condizioni per farlo, tocca al consumatore forzare un cambio di filosofia. Se aumenterà la domanda di pesce procurato in modo sostenibile, ristoranti, supermercati e importatori saranno pronti a soddisfarla. Successivamente, produttori e fornitori riconosceranno l’aumento del mercato del pesce e dei prodotti ittici e cambieranno i loro metodi di pesca e produzione di conseguenza.

Pertanto, chiedere pesce ottenuto con tipologie di pesca o di acquacoltura sostenibili o ricercare i relativi loghi come MSC o ASC costituisce già una parte della soluzione. Fare davvero la differenza… è nelle nostre mani.

 

show references for this article

[1] General Fisheries Commission for the Mediterranean. Current Situation of Small Scale Fisheries in the Mediterranean and Black Sea: Strategies and Methodologies for an Effective Analysis of the Sector. Page 18. http://www.ssfsymposium.org/Documents/FullVersion/BPI.pdf

[2] HLPE, 2014. Sustainable fisheries and aquaculture for food security and nutrition. A report by the High Level Panel of Experts on Food Security and Nutrition of the Committee on World Food Security, Rome 2014. Page 34. http://www.fao.org/3/a-i3844e.pdf

Share This