La pesca sostenibile: per molti è questione di sopravvivenza

dipendono da cattura, lavorazione, produzione e vendita di pesce e prodotti del mare

La pesca insostenibile mette a rischio la vita di milioni di persone, specie nei Paesi in via di sviluppo.

Il pesce e i frutti di mare sono tra i prodotti alimentari più commercializzati al mondo. Più di 800 milioni di persone  dipendono economicamente dalle attività di cattura, lavorazione, produzione e vendita dei prodotti ittici. Negli ultimi anni, il numero dei posti di lavoro nel settore è aumentato a un ritmo maggiore addirittura di quello della popolazione del mondo .

Le popolazioni dei Paesi in via di sviluppo in particolare dipendono dalla pesca come base di sostentamento, in quanto questi Paesi generano il più grande volume di pescato e di produzione a livello mondiale e impiegano il 97% della forza lavoro mondiale nel settore della pesca. La netta maggioranza, il 90%, sono piccoli pescatori, non impiegati dalle grandi flotte di pesca. Per loro, dalla pesca proviene il reddito base, nonché una parte fondamentale della nutrizione quotidiana.

A causa del continuo sovrasfruttamento dei mari, non solo sono a rischio molti stock ittici, ma inoltre milioni di persone che già ricevono poco dalla vita vengono derubati del cibo e dell’opportunità di un reddito regolare.

Nell’Ue abbiamo una responsabilità molto concreta in questo senso: l’Ue è la più grande importatrice di pesce al mondo  e più del 50% delle importazioni proviene da Paesi in via di sviluppo. Per fortuna, in questo caso, grande responsabilità è accompagnata anche da grande potere: il potere di rivendicare pratiche di pesca sostenibili attraverso i nostri consumi e il potere di aiutare le popolazioni dei Paesi in via di sviluppo.

 

show references for this article

[1] HLPE, 2014. Sustainable fisheries and aquaculture for food security and nutrition. A report by the High Level Panel of Experts on Food Security and Nutrition of the Committee on World Food Security, Rome 2014. Page 34. http://www.fao.org/3/a-i3844e.pdf [2] Food and Agriculture Organization of the United Nations (FAO). The State of World Fisheries and Aquaculture 2014. Rome. Page 5; http://www.fao.org/fishery/sofia/en [3] The World Bank. Hidden Harvest: The Global Contribution of Capture Fisheries. Washington. Page XI; https://openknowledge.worldbank.org/bitstream/handle/10986/11873/664690ESW0P1210120HiddenHarvest0web.pdf?sequence=1 [4] The World Bank. Fish to 2030: Prospects for Fisheries and Aquaculture. Washington. Page xiv; http://www.fao.org/docrep/019/i3640e/i3640e.pdf [5] EUMOFA (European Market Observatory for Fisheries and Aquaculture Products). The EU Fish Market. 2014 Edition. Page 1; http://www.eumofa.eu/documents/guest/Yearly%20Highlights/The%20EU%20fish%20market_EN.pdf [6] Food and Agriculture Organization of the United Nations (FAO). www.fao.org/news/story/en/item/214442/icode

Share This